Blog

5 fattori per scegliere un commercialista

Quali sono i fattori (rivisti in chiave moderna) che dovrebbero incidere sulla scelta di un commercialista? Di seguito ecco quelli che secondo noi dovrebbero essere presi seriamente in considerazione per fare una valutazione corretta.

  1. Il tuo commercialista è iscritto all’albo dei dottori commercialisti?
    Verifica sempre se il tuo commercialista sia iscritto all’albo dei dottori commercialisti ed esperti contabili. La verifica è semplicissima, basta andare su questo LINK e digitare il suo cognome; è sicuro e garantisce che ti sia avvalso di un professionista che è OBBLIGATO ad aggiornarsi costantemente e che può sostenerti al meglio.
  2. Il tuo commercialista è social?
    Oramai essere presenti sui social è un must; una vetrina virtuale per osservare capacità e competenze professionali acquisite nonchè le attività extra professionali che svolge abitualmente e che possono far capire con quale persona e personalità ti troverai ad interagire
  3. Informati sul suo portfolio. 
    La materia fiscale e tributaria è troppo vasta per pensare che un professionista possa avere competenze su tutto. Oramai la tendenza è quella di specializzarsi, per cui è importante nella scelta valutare se il commercialista abbia le opportune competenze per seguire al meglio la vostra attività proponendovi ognivolta le giuste e migliori opzioni.
  4. Sarai un numero o una persona?
    La tua attività ha bisogno del giusto grado di attenzione, questo vuol dire che ci deve essere il corretto rapporto tra il professionista ed il numero di clienti che segue direttamente. Rivolgersi al miglior commercialista sulla piazza e non essere poi seguiti correttamente per il tempo che vi dedica, è come rivolgersi a professionisti non competenti. Cercate di capire l’organizzazione e valutante sempre quando vi sentite trascurati, perchè non prendere le giuste decisioni vi comporterà maggiori oneri (economici e funzionali)
  5. Quanto è informatizzato il vostro commercialista?
    Se parole come cloud, blog, whatsapp e newsletter fanno pensare il vostro commercialista e capite che è completamente a digiugno di cosa state parlando, il consulente probabilmente non è in grado di fornirvi mezzi di comunicazione moderni altamente efficienti e veloci. Se poi la trasmissione avviene ancora via fax, allora dovrete pagare, oltre all’onorario al vostro commercialista, anche un corso di aggiornamento informatico, sempre se vorrete avere risposte rapide alle vostre esigenze.

Dopo aver valutato questi punti, cambierete commercialista?

….a breve altri 5 motivi su come scegliere un commercialista…..

 

Come non pagare il canone RAI

CanoneRAICANONE RAI……comunicazione sostitutiva per non pagarlo.

Il contribuente ha tempo entro il 16 maggio 2016 per effettuare la comunicazione sostitutiva per evitare il pagamento del #canone #RAI per l’anno d’imposta 2016.

In quali casi è possibile non pagarlo?
Sono previsti 3 casi: 1. quando in nessuna delle abitazioni per le quali si è titolare di utenza elettrica è detenuto un apparecchio tv da parte di alcun componente della famiglia anagrafica 2.quando il canone di abbonamento alla televisione per uso privato non deve essere addebitato in alcuna delle utenze elettriche intestate al contribuente in quanto il canone è dovuto in relazione all’utenza elettrica intestata ad altro componente della stessa famiglia anagrafica. 3.  i cittadini che hanno compiuto 75 anni, con un reddito annuo non superiore a 6.713 euro, per essere esonerati dal pagamento del canone TV possono  rivolgersi agli uffici dell’Agenzia per presentare una dichiarazione sostitutiva di richiesta di esenzione.

Come si presenta: attraverso una comunicazione sostitutiva che va presentata direttamente dal contribuente o dall’erede tramite l’applicazione web sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel, oppure tramite gli intermediari abilitati.

Coloro che volessero usufruire del nostro servizio, possono presentarsi con la dichiarazione compilata ed un documento d’identità valido; la comunicazione sarà effettuata in tempo reale.
La dichiarazione può essere scaricata —-> QUI

Giovani Medici – linee guida

Interessante articolo che spiega come muoversi per un giovane medico nella giungla della fiscalità italiana nel momento in cui si presenta la possibilità di aprire la partita IVA. I temi trattati sono:

  • Partita IVA si oppure no?
  • Fattura e ritenuta d’acconto
  • Dichiarazione dei redditi

E’ possibile leggere l’articolo dal nostro newspaper di oggi oppure direttamente da questo link ⇒ CLICCA QUI